Sirtori | Valutazioni psicodiagnostiche forensi
51282
page-template-default,page,page-id-51282,qode-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,capri child-child-ver-1.0.0,capri-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Valutazioni psicodiagnostiche forensi

Gli strumenti e la metodologia del Processo Diagnostico in Ambito Forense non variano rispetto alla Diagnosi Clinica, così come non varia l’atteggiamento di dialogo, di ascolto e di interesse per la storia del Soggetto.

Ciò che cambia è il mandato sociale e la finalità della diagnosi, che non è più terapeutica come nell’ambito clinico, ma essenzialmente quella di valutare la condizione psichica di un Soggetto al fine di rispondere ai quesiti tecnici posti dal Giudice.

In Ambito Civile la valutazione della personalità degli individui viene generalmente richiesta dal Giudice per decidere le modalità di affidamento dei minori o per accertare la presenza dei requisiti psicologici ai fini di un’adozione.

In Ambito Penale, (di soggetti adulti o minorenni) la diagnosi riguarda solitamente la valutazione dell’infermità mentale del soggetto al fine di individuare l’imputabilità e il grado di responsabilità, la pericolosità sociale.

In Ambito Forense, l’esame della personalità e la valutazione psicodiagnostica di un individuo è richiesta in tutte quelle situazioni in cui la legge prevede il risarcimento del Danno Psichico subito da un individuo in seguito all’esposizione di uno o più eventi traumatici (incidente stradale, errore professionale, mobbing, morte di un familiare, inquinamento ambientale) la cui responsabilità da parte di un soggetto esterno sia stata accertata.